Sei un privato?

INSERISCI GRATUITAMENTE
il tuo immobile da vendere o da affittare ed avrai subito accesso alla nostra BANCA DATI ON LINE per risolvere al meglio la tua operazione immobiliare.

PUBBLICA

VUOI CAMBIARE IL TUO TEAM?

Cambiare il tuo team sarà per te un nuovo modo di rimettersi in gioco entrando in un Gruppo che segue, sostiene e stimola la tua voglia di successo!

 

COMPILA IL MODULO

PERCHE’ ENTRARE NEL NOSTRO GRUPPO?

Per avvalorare alla massima potenza le tue caratteristiche e le tue ambizioni amplificando con il tuo nuovo sito web dinamico, la tua presenza nella provincia o comune dove svolgi la tua attività immobiliare.

COMPILA IL MODULO

Tassa sulla prima casa.

IUC sarà più pesante dell’IMU .

Le prime case, a eccezione di case di lusso, ville e castelli, rientranti nelle categorie catastali A1, A8 e A9, non pagano l’Imu, ma devono versare la Tari, commisurata ai metri quadri dell’immobile o ai rifiuti prodotti, e la Tasi.

A fare la differenza sul livello delle imposte è la Tasi. Sulle abitazioni principali l’aliquota base della Tasi è stata fissata all’1 per mille, ma i Comuni possono aumentarla fino al 2,5 per mille o diminuirla fino ad azzerarla grazie ad uno stanziamento di 500 milioni di euro previsto dalla Legge di Stabilità.

La Tasi deve essere pagata sia dal possessore sia dall’utilizzatore dell’immobile, quindi vengono coinvolti anche gli inquilini, che verseranno però un importo oscillante tra il 10% e il 30% del totale a seconda delle decisioni prese dai Comuni.

Le detrazioni sulla Tasi non sono regolate sul numero dei figli convivente ma sul grado di utilizzazione dei servizi comunali. Potrà pagare meno chi soggiorna nell’abitazione (ad esempio casa al mare) solo pochi mesi all’anno, chi risiede all’estero per più di sei mesi o chi abita da solo.

Per il pagamento della Tasi sono previste quattro rate: 16 gennaio 16 aprile, 16 luglio e 16 ottobre. Restano invece invariate, a giugno e dicembre, le tempistiche dell’Imu per seconde case e altri immobili.
 
Anci: Comuni in perdita
L’impostazione della Iuc non è soddisfacente. Ad affermarlo è stato il presidente dell'Anci Piero Fassino, che illustrando lo studio condotto dalla Fondazione Ifel ha affermato che l’imposta non garantisce la copertura integrale del gettito derivato in passato da Imu e Tares.
 
Fassino ha spiegato che l’aliquota Imu sulle prime case era fissata nella maggior parte dei casi al 4 per mille. Col nuovo sistema, invece, le prime case non pagano più l’Imu, ma devono versare la Tasi, che non può superare il 2,5 per mille. Ciò significa, ha aggiunto Fassino, che gli introiti risultano quasi dimezzati.
 
Cgia Mestre: Tasi più cara dell’Imu
La Cgia Mestre ha analizzato l’impatto  sui contribuenti ipotizzando degli scenari tipo. Dallo studio emerge che se i Comuni utilizzassero i 500 milioni messi a disposizione per rimodulare la Tasi su tutti i 19,7 milioni di abitazioni principali, per ogni abitazione ci sarebbe uno sconto di 26 euro. La Tasi si rivelerebbe più gravosa dell’Imu, soprattutto in presenza di figli. Ricordiamo infatti che l'Imu prevedeva una detrazione di 200 euro più 50 euro per ogni figlio convivente.
 
Resta quindi da capire se, oltre al maggior peso della nuova tassa, i Comuni per pareggiare i conti si vedranno costretti ad aumentare le imposte su altri servizi, o magari a prevederne di nuove.




In vetrina


Al momento non ci sono immobili in vetrina